Vai al contenuto

Al via la manifestazione del centrodestra in piazza del Popolo

Con un’ora di ritardo e sventolio di bandiere dei tre partiti, è cominciata la manifestazione del centrodestra per la chiusura della campagna elettorale, in piazza del Popolo a Roma.Ultimo dei big ad arrivare, Silvio Berlusconi.Insieme a Matteo Salvini della Lega e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, i tre leader di nuovo insieme su uno stesso palco dopo due anni. L’ultima volta era il 24 gennaio 2020 e i tre erano in piazza del Popolo a Ravenna, prima delle regionali in Emilia-Romagna.

BERLUSCONI

“Sono qui perchè siamo uniti, noi siamo la maggioranza vera del Paese. In ogni turno elettorale, nelle amministrative, europee e politiche abbiamo avuto semopre la stessa risposta: l’Italia non vuole essere governata dalla sinistra. “Otto anni fa in campo per evitare che la sinistra dell’ex partito comunista prendesse il potere. Ci siamo alleati per evitare una deriva autoritaria, statalista e giustizialista”, ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, parlando dal palco.

“Il 25 settembre è per tutti noi un imperativo categorico quello di esprimere il nostro voto, ed è per tutti noi un imperativo categorico quello di dare il nostro voto ad un partito del centro-destra, quel centro destra che è l’unica forza politica in grado di garantirci davvero un futuro di più giustizia, di più benessere,di più sicurezza, di vera e completa libertà.Viva Giorgia, viva Fratelli d’Italia, viva Matteo, viva la Lega, viva Forza Italia, viva il centro destra, viva la libertà”, ha detto Berlusconi chiudendo il suo intervento tra gli applausi della folla. 

LUPI

“Mi dicono che in piazza devi essere meno moderato, più populista: ma ci hanno un po’ rotto nel mettere il centrodestra tra i populisti in contrapposizione con i moderati. Dire che una famiglia è il pilastro della società, che ogni giovane ha diritto a un’educazione, a una scuola dignitosa, dire che ogni famiglia ha la libertà di poter scegliere è amare il popolo o essere populisti? Basta con queste contrapposizioni”. Lo afferma il leader di Noi Moderati, Maurizio Lupi, parlando dal palco di Piazza del Popolo. “Tutti noi crediamo che al Nord come al Sud, c’è la dignità di avare un lavoro e non l’elemosina di un’assistenza. E il lavoro – aggiunge – lo danno le imprese, non lo Stato”.

SALVINI

“La prima vittoria prima del 25 siete voi, gente di tradizioni diverse che hanno deciso di essere insieme con un destino comune e un impegno che prendiamo noi tutti: governare bene e insieme per 5 anni. Ci troviamo qui tra 5 anni. La sinistra è divisa e litigiosa. Qui c’è una prova di maturità: non c’è bisogno di insultare e minacciare come fa la sinistra. da noi solo proposte e sorrisi”,ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, dal palco.
      

GLI STRISCIONI

I manifestanti in piazza del Popolo stanno sventolando centinaia di bandiere dei tre partiti. A colpo d’occhio sembrano prevalere quelle di Fratelli d’Italia, ma non mancano i vessilli della Lega e più sparuti quelli di Forza Italia. In fondo alla piazza sul muro del Pincio c’è un un maxi striscione di FdI con la scritta ‘Noi siamo Gorgia’ e una foto della leader di partito. Su altri striscioni in piazza si legge “E’ tempo di patria” firmato da Gioventù nazionale Roma o “Meno tasse più lavoro” da parte di elettori di FI. La colonna sonora dagli altoparlanti per ora alterna brani classici ad altri più moderni e sembra ricordare quella sentita domenica scorsa al raduno leghista di Pontida, tra Riccih e Poveri, Vasco, D’Argen D’amico, Rino Gaetano o Edoardo Bennato.   

 “Tutto pronto, sensazioni buone”. È quanto si è limitato a dire il leader della Lega, Matteo Salvini, arrivato in piazza del Popolo per la manifestazione di chiusura del centrodestra insieme agli alleati.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.