Vai al contenuto

Caso Petrocelli, verso azzeramento della commissione

Il Senato stringe l’assedio contro il presidente della commissione esteri Vito Petrocelli. Se non farà il primo passo per abbandonare la sua carica, la maggior parte dei senatori della commissione si dice pronta alle dimissioni di massa. Mentre ancora questa mattina Petrocelli arroccato nella sua posizione scriveva sui social: “Non mi dimetto perché sento di rappresentare la Costituzione e la volontà degli italiani” e la capogruppo 5s Mariolina Castellone ribadiva “non farò forzature, deciderà Casellati”, a palazzo Madama si delineava quella che, per ora, appare come l’unica strategia possibile per aggirare tutti i contrasti creati dalle posizioni filo-putiniane di Petrocelli che hanno messo i imbarazzo la maggioranza e il M5s: l’abbandono da parte dei commissari. Sul tavolo del presidente Casellati, nei giorni scorsi, sono arrivate due lettere con l’obiettivo di uscire dalla palude, una dai membri della commissione Esteri e l’altra dal presidente della Commissione Affari europei. L’individuazione di un percorso possibile arriva però nel pomeriggio, alla fine di una lunga capigruppo e di una successiva riunione della Giunta del Regolamento. Per poter intervenire, fanno sapere al termine della Giunta, servono fatti concreti. E a quanto si apprende, ci sarebbe già un tacito accordo per cavalcare le dimissioni in blocco della commissione non appena ci saranno. Tanto che sono già state delineate le tappe che porteranno all’azzeramento della commissione e di Petrocelli: una volta arrivate le dimissioni – per ora solo il senatore Emanuele Dessì del nuovo gruppo parlamentare Cal è contrario – i presidenti dei gruppi dovranno formalizzare l’intento di non sostituirli con colleghi di partito. A questo punto la presidente Casellati e la Giunta per il regolamento, sarebbero disposti a sostenere lo scioglimento della commissione stessa per l’impossibilità di poter continuare a svolgere i suoi compiti, in un momento così delicato determinato dalla guerra in Ucraina. Subito dopo si procederà alla ricomposizione con la nomina di un nuovo presidente. La vicepresidente della commissione, Laura Garavini, ha già fatto il primo passo con una lettera di dimissioni al suo capogruppo Davide Faraone. Intanto la commissione Esteri presieduta da Petrocelli continua a riunirsi, domani è convocata alle 10 e questo irrita FdI che accusa la maggioranza di essere “ambigua”: “A parole vuole le dimissioni – lamenta un comunicato del gruppo – ma nei fatti corre a garantire il numero e il funzionamento della Commissione stessa”.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.