Vai al contenuto

Comunali: a Verona il tackle di Tommasi al centrodestra

Il centrosinistra batte un colpo a Verona. Damiano Tommasi, il candidato dal ‘basso profilo’, che ha evitato i selfie con i big di partito, e non è ricorso a social e tv, è in testa nella città dell’Arena, secondo i primi exit poll con una forchetta stimata fra 37 e 41% dei voti. Il centrodestra diviso – nonostante l’abbraccio al fotofinish, proprio qui, tra Salvini e Meloni – aspetta di sapere se sarà il sindaco uscente Federico Sboarina, stimato fra il 27 e il 31%, oppure il ‘ritornante’ Flavio Tosi, scelto da Forza Italia, accreditato alla stessa percentuale (27-31%), a contendere a Tommasi la poltrona di Palazzo Barbieri.
    Un risultato sorprendente per Verona, dove il centrodestra regnava incontrastato dal 2007, dopo l’ultima giunta guidata da Paolo Zanotto (Democrazia e Libertà-Margherita). Poi il Pd e i partiti progressisti non aveva più toccato palla. Due legislature sotto ‘Re’ Tosi, e una di Federico Sboarina, che nel cinque anni fa aveva vinto con l’appoggio di tutto il centrodestra. Poi, però, era stato lui a rompere per primo lo schema, passando con Giorgia Meloni, e mettendo la Lega nella difficile scelta di sparigliare tutto: scegliendo anch’essa un candidato di bandiera, o puntare ancora su Sboarina, lasciando a Forza Italia (con l’appoggio di Matteo Renzi) l’avventura del Tosi ‘ter’.
    Insomma, se la città di Giulietta e Romeo era (ed è) un test nazionale, il responso è che Lega, Fdi e Forza Italia non sfondano se gareggiano separati. Nel derby veronese tra il centrodestra, la spunta al momento un ex vero centrocampista, Damiano Tommasi, colonna della Roma e della Nazionale, che ha fatto tutto ciò che non ci si aspetterebbe da un candidato nell’era della politica urlata e di internet: ha stretto migliaia di mani, ha girato come una trottola nel territorio, ha evitato scientificamente i palchi e la ribalta tv.
    E si è presentato agli elettori, lui già un outsider, con una squadra 36 ‘volti nuovi’, gente che non ha mai avuto precedenti esperienze di partito. Oltre al Pd e al M5s, che l’hanno designato quale candidato sindaco, ha mostrato fiuto anche Carlo Calenda, che ha puntato a sua volta su Tommasi per cambiare faccia a Verona. Ma la risposta vera alla disfida dell’Arena arriverà tra 15 giorni.  
   

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.