Vai al contenuto

Elezioni, Calenda: 'Non intendo andare avanti nell'alleanza con il Pd. Renzi? vedremo'

Non intendo andare avanti nell’alleanza con il Pd’: lo ha annunciato Carlo Calenda in tv intervistato da Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in +’. “Non mi sento a mio agio con questo, non c’è dentro coraggio, bellezza, serietà e amore a fare politica così ho comunicato ai vertici del Pd che non intendo andare avanti con questa alleanza” ha detto il leader di Azione.

Alla vigilia di queste elezioni ho intrapreso un negoziato col Pd, non ho mai voluto distruggere il Pd, con con Letta abbiamo iniziato un negoziato per costruire una alternativa di governo. Ma mano a mani si univano pezzi che stonavano”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più, su Rai Tre. “Oggi mi trovo a fianco a persone che hanno votato 54 volte la sfiducia a Draghi. MI sono un po’ perso”. “Nei giorni scorsi sono andato da Enrico Letta e gli ho proposto di fare un’alleanza netta e che rinunciavo ai collegi, avrei accettato anche solo il 10%” ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più, su Rai Tre.

“La sensazione è che c’è il Pd in mezzo e poi una serie di forze, ho perso il conto. Ma c’era un punto chiaro, il fatto che entrassero in coalizione Fratoianni non implicava che esprimessero da subito il no all’agenda Draghi. Invece c’è stato un crescendo, che ha dimostrato come sarà la campagna elettorale, che non sarà contro la destra ma demolirà l’area liberale della coalizione”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più. “Questa cosa è durata anche troppo. Quando abbiamo fatto l’accordo ci siamo detti che dal giorno dopo un pezzo della coalizione non avrebbe bombardato l’agenda Draghi, sennò ci saremmo fatti ridere dietro dal Paese”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più, su Rai Tre. “A questa proposta si sono aggiunte personalità che italiani non vogliono più vedere”. Calenda ha poi aggiunto che “è arrivato di tutto, Di Maio, Di Stefano…” Ora c’è “una grande ammucchiata di persone. Da parte mia non c’è stato un equivoco, ma l’ingenuità che il Pd fosse pronto a decidere di rappresentare la sinistra senza correre dietro a Fratoianni, Bonelli e domani ai 5 stelle, che Letta avesse capito che la coerenza è fondamentale. Che il Pd avesse fatto la sua Bad Godesberg. Ed ho sbagliato”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più, su Rai Tre.  “C’erano due pulsioni, una a fare una proposta di governo una a fare un Cln (Comitato di liberazione nazionale) e alla fine in Enrico è rimasto al Cln” precisa il leader di Azione. “Renzi non l’ho sentito, ma gli dirò che come non si fa la politica destra contro sinistra non si fa nemmeno contro chiunque. Bisogna spiegare agli italiani come governare. Non ho parlato con Renzi, ci parlerò”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, a Mezz’ora in più, su Rai Tre. Vede una strada convergente? “Lo vedremo. Negli ultimi due giorni ho ricevuto dai renziani contumelie, qualsiasi scelta non coincida con quella di Renzi per loro è una scelta da traditore della patria”.

La Segreteria di +Europa ribadisce il forte apprezzamento per il patto sottoscritto martedì scorso dalla Federazione +Europa/Azione con il Partito Democratico. In particolare – informa una nota – la Segreteria apprezza le parole usate ieri dal Segretario del PD Enrico Letta, che ha ribadito come il patto tra PD e Federazione +Europa/Azione sia un accordo di governo fondato sull’agenda Draghi e sulla collocazione europea e atlantica del nostro Paese, mentre gli accordi con altre liste siano accordi elettorali, finalizzati a non consegnare la vittoria a tavolino dell’alleanza guidata da Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Enrico Letta inoltre ha escluso qualsiasi tentazione di riapertura al M5S di Conte. Se dovessero emergere nuovi elementi di valutazione sul patto, la Direzione di +Europa si riunirà per discuterne e assumere decisioni.

La nota è stata subito accolta positivamente dai dem. “Il Partito Democratico esprime forte apprezzamento per la nota diramata poco fa dalla Segreteria di +Europa, che ribadisce il proprio sostegno al Patto sottoscritto martedì scorso tra lo stesso Pd e la Federazione +Europa/Azione”, fanno sapere fonti del Nazareno.

Secondo l’ex mministro Gianfranco Rotondi, tuttavia, “Carlo Calenda scappa perché ha saputo quel che io prevedevo da giorni: Enrico Letta ha in tasca l’accordo con il M5S e lo tirerà fuori all’ultima ora utile”.

Un pezzettino alla volta, Enrico Letta sta costruendo il fronte che sfiderà FdI, Lega e Fi al voto del 25 settembre. Le ultime intese sono quella del Pd con Verdi-Sinistra italiana e con Impegno civico, siglate in un due incontri al Nazareno, prima con con Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli e poi con Luigi Di Maio e Bruno Tabacci. Qualche giorno fa, c’era stata quella con Azione. Si tratta di patti separati, “ma compatibili fra loro”, spiega Letta. Nel senso che il Pd fa da cerniera fra forze che stentano ad andare d’accordo: Azione da una parte, la lista Verdi-Si dall’altra, Di Maio&C da un’altra ancora.

E’ una strada fatta di tornanti e salite, ma “necessaria” spiega Letta, perché la legge elettorale impone le alleanze: è l’unico modo per provare a vincere”. Ci sono anche distinzioni non solo semantiche: quello con Azione è “un patto di governo”, spiega Letta, quello con i Verdi e Sinistra italiana “non lo è”, è “un patto per la Costituzione”, per cercare di sventare il rischio che la destra unita possa conquistare “i 2/3 del Parlamento. Perché a quel punto – sottolinea il segretario Pd – Salvini e Meloni potrebbero da soli stravolgere la Carta”. Il risultato fa un po’ l’effetto del quadro cubista.

D’altronde, “la legge elettorale non prevede l’indicazione del premier né un programma elettorale prima”, ricordano dal Pd. Per Letta è “stata chiusa la partita più complicata”, quella delle alleanze. Ma ancora manca il sigillo definitivo di Carlo Calenda, che adesso è ufficialmente chiamato a una corsa in parallelo con Si-Verdi e Di Maio.

Il leader di Azione si esprimerà ufficialmente oggi, intervistato da Lucia Annunziata a In mezz’ora, sulle intese siglate dal leader dem. Anche se la lettura di quei pochi tweet che scrive è indicativa: “Si vince con una proposta credibile di Governo, molto chiara nel patto firmato con il Pd. Si perde se si aggiunge un patto contraddittorio rispetto al primo con gente che ha sfiduciato Draghi”. Dal Nazareno c’è “la volontà di andare avanti nell’intesa con Azione”.

D’altronde con Calenda c’è un feeling maggiore se si guarda all’esperienza Draghi, a cui Verdi e Si si sono invece sempre opposti. Ma con loro, sottolinea Letta, il Pd ha fatto “un grande lavoro sulla sostenibilità ambientale e sociale”.

Anche Fratoianni smorza le distanze: “Le differenze non devono diventare un ostacolo alla convergenza. Siamo in campagna per impedire alla destra peggiore di avere la meglio”. Mentre Bonelli prova ad aprire uno spiraglio di dialogo con Calenda, invitandolo a bere un tè: “Magari ribadendo le differenze, ma dialogare fa sempre bene”. Restano fuori da ogni accordo i 5 Stelle, “colpevoli” di aver fatto cadere il governo: il Pd e Azione non li vogliono, malgrado le spinte di Sinistra italiana per coinvolgerli.

Che la situazione sia articolata lo conferma anche la divisione degli uninominali: il 70% dei seggi spettanti all’accoppiata Pd-Azione andrà al Pd e il 30% ad Azione. Il 20% dei seggi spettanti all’accoppiata fra Pd e Si-Verdi andrà a Si-Verdi e l’80% al Pd. Con Di Maio il rapporto è: 92% a 8%. In base ai primi calcoli delle segreterie il risultato della orientativo della ripartizione dovrebbe essere: 59% Pd, 24% Azione e 13% Si-Verdi e 4% Di Maio. Sempre in tema seggi, ancora non è chiaro se Di Maio e Tabacci abbiano accolto l’invito a candidarsi nelle liste proporzionali del Pd: “Il ragionamento è in corso”, spiega Letta. Oltre a quella con il M5s, la giornata di ieri ha segnato la rottura definitiva anche fra Pd e Renzi. “Non stupisce che praticamente la totalità degli elettori e dei militanti del Pd abbia maturato un giudizio durissimo, senz’appello, su di lui e sulla sua parabola politica”, dicono dal Nazareno commentando un’intervista del leader di Azione al Corriere. “Noi facciamo politica – è la risposta di Iv – e non viviamo di rancori personali: pensiamo che la strategia di Letta sia un regalo alla Meloni.

 

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.