Vai al contenuto

Elezioni: finora 74 i simboli presentati al Viminale

Sono 74 finora i simboli elettorali presentati al Viminale per le elezioni politiche del 25 settembre, dando così il via alla terza bacheca. L’ordine sulla scheda sarà deciso da un sorteggio. Ci sono anche il Partito della Follia creativa e il Partito delle buone maniere

Conte: “Simbolo rosso cuore, abbiamo coraggio”. Depositato al Viminale il simbolo del Movimento 5 Stelle. Il simbolo è quello noto, la scritta ‘Movimento’ con le cinque stelle disegnate. A presentarlo è stato il leader del partito Giuseppe Conte. “Avete visto che bel rosso cuore – ha detto Conte affiggendo lui stesso il simbolo in bacheca – Invece il coraggio ce lo mettiamo noi”. Alla domanda sul dove l’ex premier si candiderà, se alla Camera o al Senato, Conte ha risposto: “Vi faremo sapere a breve”. Il simbolo ricopre la postazione 74 in bacheca.

Meloni: “Fieri del nostro simbolo”. “Eccolo qui, il nostro bel simbolo depositato per le prossime elezioni. Un simbolo del quale andiamo fieri. Il 25 settembre scegli Fratelli d’Italia”. Così scrive la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni postando su Facebook il logo del suo partito che è stato depositato al Viminale e che mantiene la tradizionale fiamma tricolore e, in alto, il nome della presidente..

Depositato il simbolo della coalizione di centrodestra per le circoscrizioni estere. Il contrassegno unitario, presentato oggi al Viminale da un dirigente FdI, in vista della tornata elettorale del 25 settembre, è lo stesso del 2018 con in fila i nomi dei tre leader – Salvini sulla striscia verde, Berlusconi in blu su sfondo bianco, Meloni su quella rossa – e in basso i simboli dei partiti.

La corsa al deposito dei simboli, che porterà alle urne l’Italia il 25 settembre è cominciata ieri. I contrassegni depositati nel primo dei tre giorni dedicati al deposito al Viminale sono oltre 50: a vincere il rush è stato il Partito liberale Italiano, ma si scoprirà poi che non è l’originale perchè è stata un ex iscritto a presentarlo, seguito dal Maie (Movimento associativo italiani all’estero) e il Sacro Romano Impero cattolico. A decidere però il posto ‘in prima fila’ sulla scheda elettorale sarà, dopo la dichiarazione di ammissibilità, un sorteggio.

Deposito dei simboli di partito

Al Viminale per l’atto di inizio della kermesse elettorale anche esponenti di partito.
Per la Lega il senatore Roberto Calderoli che si auspica questo sia “il primo passo per andare a vincere”. Poi Clemente Mastella, col contrassegno ‘Noi di Centro’, che rivendica di essere Dc doc, “l’ultimo erede, ancora presente nelle istituzioni democratiche, dei valori della Democrazia Cristiana” non come “Calenda o Renzi, che sono addirittura Macroniani”. Ma nella giornata si contano almeno altri due simboli della vecchia Dc, a dimostrazione che il centro è un campo con quotazioni in ascesa. Evocato da Mastella arriva poi anche il simbolo del terzo polo, con Azione e Italia Viva, stato presentato dal vicesegretario del partito di Carlo Calenda. Affisso nella prima giornata in bacheca il simbolo della lista di Forza Italia-Berlusconi presidente, depositato dal questore della Camera di FI, Gregorio Fontana che ha poi confermato che la coalizione di centrodestra sarà composta da 4 forze: FI, FdI, Lega e lo schieramento di centro arrivato poi a presentare il simbolo di ‘Noi Moderati’ con lo scudo crociato della Dc, anche qui, e la scritta Libertas. Il capo politico della formazione che fonde in se’ ‘Noi con l’Italia di Maurizio Lupi’, Italia al centro di Toti e Coraggio Italia di Brugnaro, sarà Maurizio Lupi.

Elezioni, Fiore presenta simbolo Forza Nuova: ‘Orgoglioso di esser stato in carcere’

Presente anche l’ex M5s Dino Giarrusso con il suo simbolo ‘Sud chiama nord’ simile a quello di ‘De Luca sindaco d’Italia – Sud chiama nord’, la formazione dell’ex sindaco di Messina Cateno De Luca, candidato alla presidenza della Regione Siciliana. Mario Adinolfi e Simone Di Stefano, ex leader di CasaPound, sono arrivati a metà pomeriggio con La lista che si chiamerà ‘Alternativa per l’Italia – No Green Pass’.

Una lista anche per Forza Nuova, col simbolo di Alliance fo peace e Freedom, è stata presentata da Roberto Fiore. A solcare le porte del Viminale, quasi allo scadere della giornata, Bruno Tabacci assieme al ministro degli Esteri Luigi Di Maio con il simbolo di Impegno Civico.

Come sempre non sono mancate le stravaganze: dal Partito della Follia, nuova creatura di Dr Seduction, già presente in alcune tornate elettorali amministrative con il Partito delle Buone Maniere, a Free, un gruppo di comitati civici, che si fa raffigurare da un uomo che dà un calcio a Pinocchio. Il programma? “Difendere la Costituzione dalle bugie”. Immancabili il generale Antonio Pappalardo, leader dei Gilet Arancioni, in veste pacifista, e il Movimento dei Forconi. C’è la ‘ghigliottina’ del simbolo di Rivoluzione Sanitaria di Panzironi, quello della dieta curativa, il gatto stilizzato della lista ‘Naturalismo’ e la donna-albero nel contrassegno di Vita della deputata Sara Cunial, la pasionaria no vax. Alla fine si contano oltre 50 simboli. Ed è solo la prima giornata.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.