Vai al contenuto

Elezioni: scintille Letta-Calenda.”Aiutate la destra”. “Sei un disco rotto”

 L’avversario è a destra, ma anche di fianco. Giornata di scontri fra l’ accoppiata Azione-Iv e il Partito democratico con + Europa, sulla diretticre Palermo-Milano.
    Carlo Calenda e Matteo Renzi hanno escluso la volontà di fare alleanze politiche con il Nazareno dopo il voto. Per la verità, anche Enrico Letta non ne ha mai parlato, però ne ha approfittato, da Palermo, per attaccare i centristi: “Mi sembra che sia chiaro ormai: il Terzo polo guarda a destra”. La replica del segretario Pd ha preso spunto dalle parole del leader di Azione che, nel tracciare lo scenario a cui sta lavorando, aveva spiegato: “L’alleanza con Pd non la farò: sennò l’avrei fatta prima. Un governo di larga coalizione, questo voglio fare. Serve un governo di Alleanza comune, mi auguro anche con la Meloni”.
    Per mettere un freno ai commenti in arrivo a raffica dagli esponenti del Pd, in giornata il leader di Azione ha chiarito il senso delle sue parole sulla Meloni: l’obiettivo è “un governo di unità nazionale possibilmente guidato da Mario Draghi”, ma “non c’è spazio per un governo politico con sovranisti e populisti”. Quella parola “politico” fa la differenza: per Calenda, se mai ci sarà, l’alleanza non sarà per affinità elettive, ma per necessità e con Draghi premier. Per Letta, però, quella frase sulla Meloni nasconde il vero intento di Calenda: “Chi vuole battere la destra – ha detto il segretario Pd – ha un solo voto utile, quello per il centrosinistra. Tutti gli altri sono voti che in un modo o nell’altro aiutano le destre”. Calenda ha provato a chiuderla con una battuta: “Enrico Letta⁩ sei una specie di disco rotto”. Ma le scintille non sono finite lì. Anche perché le stoccate di Letta erano partite già da prima, per interposto bersaglio. In Sicilia il segretario Pd se l’era presa con il M5s, che ha fatto dietrofront sulla candidatura di Caterina Chinnici alla presidenza della Regione: “Per me la parola data, la stretta di mano e l’impegno preso davanti agli elettori sono le cose più importanti”. Le stesse parole usate nei confronti di Calenda, quando in diretta Tv stracciò l’accordo firmato col Pd qualche giorno prima.
    Archiviato da tempo lo strappo dai dem, per il leader di Azione l’agenda rimane sempre quella, visto che “io e Renzi – ha rivendicato – siamo gli unici a sostenerla”. Anche per l’ex compagno di viaggio, il segretario di +Europa Benedetto Della Vedova, inervenuto a Milano,”se la coalizione vince non si cambiano le politiche del premier e non si cambia nemmeno Draghi”, o quanto meno “il suo modo di governare”. Però, ha precisato, “un governo con Meloni non lo capisco e non ha senso. Io la voglio battere alle urne”. E comunque, e qui è arrivata la stoccata, “chi ha avuto ossessione per Fratoianni dovrebbe averla decuplicata per Meloni e Salvini”. Come a dire: con Letta no ma con Meloni sì? Della Vedova ha attaccato il Terzo Polo convinto che “nei collegi uninominali vinceranno solo le due coalizioni” più grandi e quindi chi “si mette in mezzo” come Calenda e Renzi “fa un favore alla destra”. E chi li vota a Milano, per esempio, finisce che “elegge Giulio Tremonti”, ha aggiunto Della Vedova, che si gioca uno scranno alla Camera con l’ex ministro e l’azionista Giulia Pastorella nell’uninominale di Milano centro. E mentre Emma Bonino ha puntato il dito sulla politica “impantanata in diatribe tutte all’interno del raccordo anulare”, l’esponente Pd Francesco Boccia si è detto d’accordo con Della Vedova: “Era evidente che Calenda e Renzi non c’entravano nulla con la storia del centrosinistra. Non hanno possibilità di incidere nel quadro politico: votarli è come votare per Meloni”. Ma tanto “non staremo di nuovo con il Pd che ha perso l’anima – ha risposto Renzi – dopo aver cambiato idea su reddito di cittadinanza e jobs act possono cambiare il nome in M5s”. 
   

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.