Vai al contenuto

Gas sempre più caro, l'Ue convoca un vertice straordinario

Con il prezzo del gas sempre più alto, preoccupa il tema dell’energia, soprattutto in vista dell’autunno. L’Unione europea convoca entro metà settembre un Consiglio straordinario dei ministri dell’Energia per affrontare l’emergenza. Il dibattito tiene banco nella campagna elettorale italiana a circa un mese dalle elezioni.

“Enrico Letta ma come fai, nel momento di massimo bisogno di gas, anche per essere indipendenti da Putin, a fare un manifesto come questo”. Lo scrive su Twitter il leader di Azione, Carlo Calenda, commentando il manifesto elettorale pubblicato dal segretario del Pd, con il messaggio Combustibili fossili/Energie rinnovabili, e il claim ‘Scegli’.

    “La politica energetica non si può ridurre a questi slogan privi di senso. Sei contro il gas? E come andiamo a pedali? #ItaliaSulSerio”, prosegue Calenda, che poi aggiunge: “Ma nessuno del Pd riesce a frenare questa deriva populista?”. Una domanda rivolta in particolare a Carlo Cottarelli, al sindaco di Bergamo Giorgio Gori e al governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

“Il mandato del M5S non è mai stato chiudere gli occhi e ‘non disturbare’ l’osannato Governo dei Migliori. Il nostro mandato è sempre stato e sempre sarà la difesa degli interessi dei cittadini, a partire dai meno garantiti. Se ci fossimo mossi per tempo avremmo potuto prevenire con maggiore efficacia e minori costi la spirale recessiva già innescata da mesi. Ora tutti i partiti in campagna elettorale stanno scoprendo che avevamo ragione. Allora andiamo subito in Parlamento per sostenere anche con le altre forze politiche interventi massicci. Si è perso già troppo tempo”. Così su Facebook il leader del M5s Giuseppe Conte.

“Più 711 euro a famiglia: questa – secondo Codacons – è la stangata di autunno che si abbatterà sui cittadini, schiacciati da bollette e spesa alimentare – scrive Conte nel post -. Non siamo disposti a far ricadere sulla testa delle persone i ritardi accumulati su tetto al prezzo del gas, scostamento di bilancio, tassazione su extraprofitti ben più efficace, taglio Iva sui beni alimentari”. “Quando abbiamo alzato la voce con il Governo, già 6 mesi fa, per un piano straordinario di interventi ci sono piovute addosso accuse di tutti i tipi – aggiunge l’ex premier -. Nel migliore dei casi eravamo i disturbatori che creano ‘fibrillazioni’ nella placida armonia dell’equilibrio di governo”.   

“Sicuramente servirà un intervento da 30 miliardi di euro in manovra di bilancio per affrontare la crisi energetica. Servono almeno 30 mld di euro per evitare una strage di aziende che altrimenti ad ottobre chiudono. Noi chiederemo all’Europa, se gli Italiani ci voteranno, un Pnrr, un piano di intervento straordinario, come c’è stato sulla pandemia, adesso sull’energia, senza che faccia debito”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parando a Bari ad un incontro elettorale. “Perchè – ha aggiunto – o il governo italiano riesce a mettere 30 miliardi nelle casse in liquidità delle aziende oppure ci ritroviamo qui a novembre e abbiamo la metà delle aziende che rischia di chiudere”. “Spero a che a Bruxelles facciano tutto il possibile per fermare la guerra – ha detto esprimendo nuovamente dubbi sulla utilità delle sanzioni – perchè più va avanti la guerra, più persone muoiono in Ucraina, ma più alta sarà la bolletta di gas e luce in Italia”.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.