Vai al contenuto

I venti di guerra spaventano i partiti, differenze sulla Nato

La fuga da Kiev dei cittadini dei Paesi occidentali, compresi gli italiani, e l’escalation di parole e truppe al confine tra Russia e Ucraina, spaventa la politica italiana che, sbigottita, per una volta non si divide dopo le mosse del governo italiano. Nessun distinguo dopo che il ministro Luigi Di Maio ha allineato le scelte italiane a quelle degli alleati Nato, anche se nelle dichiarazioni dei vari partiti si osservano delle sfumature, su come far avanzare il dialogo tra le parti.

“La posizione della Farnesina che ha invitato i connazionali al rientro è condivisibile”, ha detto Enrico Aimi, capogruppo di Fi in commissione Esteri del Senato, che conclude pessimistico: “tutti i tentativi di mediazione sono purtroppo falliti è doveroso aprire gli occhi al principio di realtà”.

Al realismo si richiama anche il leader della Lega, Matteo Salvini: “al mercato italiano vengono destinati circa 30 miliardi di metri cubi di gas russo, attraverso l’Ucraina. Attenuare le tensioni ed evitare un’escalation militare è una questione di sicurezza nazionale per il nostro Paese”. Rispetto a Forza Italia, dunque Salvini cita la necessità di “evitare una escalation militare”. Un’auspicio condiviso anche dalla presidente di Fdi Giorgia Meloni: “Rinnoviamo il nostro appello a tutte le parti in causa per un’immediata de-escalation capace di placare i venti di guerra. Ora più che mai bisogna lavorare per allentare la tensione – come richiesto anche dal presidente ucraino Zelensky – e arrivare ad un giusto punto di equilibrio tra le esigenze in campo, a partire dall’inviolabilità territoriale dell’Ucraina”. Una posizione che Osvaldo Napoli (Coraggio Italia) definisce “terza-forzista” tra Ucraina e Russia. Napoli invita ad piuttosto una adesione alla posizione della Nato che chiede a Putin di fare il primo gesto di de-escalation.

    Anche le dichiarazioni in casa Pd invitano ad aderire alla postura della Nato, con la richiesta a Mosca di una de-escalation. Piero Fassino, presidente della Commissione Esteri della Camera ha esortato a continuare nelle iniziative “per una soluzione politica che garantisca la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina”. “E si insista – ha aggiunto Fassino – nel sollecitare Mosca a compiere per prima atti di de-escalation, riducendo la presenza militare ai confini dell’Ucraina”. ” A questo punto, serve che la Russia si impegni a ridurre il numero di truppe impegnate in esercitazioni ai confini dell’Ucraina. Solo così si può evitare la guerra”, ha commentato la responsabile Esteri dei Dem, Lia Quartapelle.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.