Vai al contenuto

IL PUNTO DELLE 12 – Aperti i corridoi di fuga, Kiev 'Mosca li rispetti'

Il quattordicesimo giorno di guerra si apre con la speranza per la tenuta di nuovi corridoi umanitari aperti in Ucraina per permettere a quanta più popolazione possibile di mettersi in salvo, pur nella diffidenza di Kiev. Alla vigilia di un vertice considerato chiave – domani ad Antalya in Turchia si vedranno i ministri degli Esteri di Ucraina e Russia – sul fronte diplomatico irrompono le dichiarazioni di Mosca che da un lato ventila risposte “mirate” allo stop Usa all’import di petrolio russo e dall’altro parla di “alcuni progressi” nei negoziati ma insiste sulla linea dell'”operazione militare” per “smilitarizzare e denazificare l’Ucraina”.

A ciò si aggiungono posizioni non proprio distensive di Pechino, mentre l’Ue annuncia sanzioni più dure su Mosca e Minsk, su dirigenti e oligarchi. Zelensky chiede il supporto dei Mig-29 offerti dal governo polacco. Ma per il Cremlino questo configurerebbe “uno scenario pericoloso”. Oggi l’accordo tra russi e ucraini per il cessate il fuoco su una serie di corridoi umanitari durerà dalle 9 alle 21 locali (ore 8-20 in Italia), secondo quanto annunciato da Kiev che lancia un appello alla Russia a rispettare la tregua. I corridoi, riporta la Tass, sono: Energodar-Zaporozhzhia, Sumy-Poltava, Mariupol-Zaporozhzhia, Volnovakha-Pokrovsk, Izyum-Lozova, e verso Kiev dagli insediamenti di Vorzel, Bucha, Borodyanka, Irpen e Gostomel. Tra le operazioni apprensione per l’evacuazione di un orfanotrofio in un sobborgo della capitale, Vorzel, dove ci sono 55 bambini e 26 membri dello staff. Le bombe non si fermano, dal Donbass autorità locali riferiscono solo oggi di bombardamenti avvenuti ieri con almeno dieci vittime a Severodonestk. Lo stop all’import di petrolio e altri idrocarburi russi annunciato ieri dagli Stati Uniti provoca la reazione di Mosca che preannuncia “risposte” mirate ad “aree sensibili”. Ancora non è chiaro come questo concretamente si tradurrà. Fonti diplomatiche russe insistono però che sono stati fatti “alcuni progressi” nei negoziati con l’Ucraina e rigettano l’obiettivo di voler “rovesciare il governo ucraino”. La linea resta quella dell’operazione militare per “proteggere” le Repubbliche di Donetsk e Lugansk, e per “smilitarizzare e denazificare” l’Ucraina.

Da Mosca arrivano pure nuove accuse agli Usa, rei di sviluppare programmi per armi biologiche in Ucraina. Dopo i passi di mediazione e dialogo di ieri, col vertice video tra Xi, Macron e Scholz, oggi la Cina – attraverso un portavoce del ministro degli Esteri – punta il dito contro la Nato a guida Usa, che avrebbe con le sue azioni spinto “gradualmente” al conflitto. Netta contrarietà di Pechino al bando Usa per l’import di petrolio russo. Washington e gli alleati della Nato cercano di potenziare i combattenti ucraini evitando di essere coinvolti in una guerra più ampia con la Russia. In questo contesto vola in Europa la numero due della Casa Bianca, Kamala Harris, attesa in Polonia e Romania. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky lancia un appello ai Paesi occidentali perché “decidano al più presto” sull’invio a Kiev dei Mig-29 offerti dal governo polacco. Domani e dopodomani sulla crisi il Consiglio europeo informale, a Parigi. L’emergenza umanitaria cresce. I profughi sono più di due milioni e la pressione cresce soprattutto sulle frontiere. È qui che l’alto commissario Onu per i rifugiati chiede di concentrare gli aiuti, prima ancora che parlare dei Paesi in cui andranno i profughi. La Moldavia è considerata particolarmente vulnerabile. Kiev blocca le esportazioni cereali, zucchero, sale, carne fino alla fine dell’anno. L’Unesco propone uno “scudo blu” per proteggere i monumenti patrimonio dell’Ucraina.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.