Vai al contenuto

La crisi di governo: il giorno di Draghi. Salvini: “La Lega deciderà per il bene dell'Italia”

E’ il il giorno più lungo per il governo Draghi con le comunicazioni del premier alle 9.30 al Senato, il voto di fiducia in serata, e la replica di giovedì alla Camera.

“Dopo la crisi di governo causata dai 5 Stelle – apre le danze Matteo Salvini sui social – dopo giorni di minacce e provocazioni, con decine di parlamentari che cambiano partito per salvare la poltrona e con un Pd che insiste a parlare di ius soli, ddl Zan e legge elettorale, invece di mettere al centro stipendi, bollette e lavoro, oggi si decide. E la Lega, unita e compatta, deciderà solo e soltanto per il bene e il futuro dell’Italia”.

LA DIRETTA

I partiti, a cominciare dal Movimento 5 Stelle, aspettano un segnale dal discorso che farà Mario Draghi in Parlamento. E a quel punto Il premier ascolterà le posizioni di tutti per vedere se sia maturato quel “fatto politico” nuovo che consenta di ritrovare “l’agibilità politica” senza la quale si rischia di segnare la fine del governo di unità nazionale.

La situazione è talmente incerta che, si ragiona in ambienti parlamentari, il presidente del Consiglio starebbe preparando due versioni del discorso. Entrambe decise e circostanziate ma con due finali diversi. Dunque, non è neanche il quinto giorno quello risolutivo. Eppure, si osserva nei capannelli in Parlamento, qualcosa si è mosso. Sottotraccia restano i timori, di tutti, di rimanere con il “cerino in mano” e vedersi addossare la responsabilità di avere messo la parola fine alle larghissime intese. 

Il premier ha lavorato al discorso fino all’ultimo. E avrebbe preparato “un testo A e un testo B”, uno per dire resto e uno per dire addio, commentano alcuni senatori. Una ipotesi che non trova conferme a Palazzo Chigi. Ma di sicuro Draghi spiegherà le ragioni che lo hanno portato a un passo dall’addio e rivendicherà il tanto lavoro fatto in 17 mesi per far fronte alla pandemia, e poi alla guerra e alle sue conseguenze economiche. E tornerà a indicare le priorità per il Paese. Starà alle forze politiche, è l’orientamento emerso finora, dare risposte e dare garanzie sulla reale volontà di continuare a sostenere, con unità e responsabilità, l’esecutivo. Altrimenti l’esito non potrà che essere quello delle dimissioni. A fronte delle quali il Quirinale non potrebbe che prendere atto che non ci sono più le condizioni per sciogliere le Camere e andare a elezioni anticipate in autunno (la data cerchiata in rosso sarebbe quella del 2 ottobre), secondo alcuni senza neanche fare ulteriori consultazioni.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.