Vai al contenuto

La rivincita di Marine, record di seggi in Parlamento

“Uno tsunami”: risultato storico per il Rassemblement National (RN) di Marine Le Pen che fa incetta di seggi all’Assemblée Nationale, imponendosi come terza forza in parlamento nei cruciali ballottaggi per il secondo turno delle elezioni legislative. Secondo le proiezioni annunciate alla chiusura delle urne, il partito nazionalista avrebbe ottenuto tra 60 e 100 deputati, davanti alla destra dei Républicains (LR).

Numeri mai visti prima per l’ex Front National, che ora consentono alla candidata sconfitta da Emmanuel Macron nelle presidenziali del 24 aprile di formare per la prima volta un gruppo all’Assemblée. “Il popolo si è espresso. Sormontando l’ostacolo di una legge elettorale particolarmente ingiusta, ha deciso di inviare un potente gruppo di parlamentari all’Assemblea, che diventa così un po’ più nazionale. E’ di gran lunga il gruppo più numeroso di tutta la nostra storia politica”, ha esultato Le Pen, acclamata dal grido di “Marine, Marine, Marine” nel suo feudo di Hénin-Beaumont, nel nord del Paese.

Rivolgendosi ai militanti mezz’ora dopo l’annuncio dei risultati, l’alleata di Matteo Salvini ha evocato il “trionfo dell’idea salvifica di nazione“. Ha poi assicurato che il suo partito “incarnerà un’opposizione ferma, senza inciuci, ma responsabile, rispettosa delle istituzioni e sempre costruttiva. La nostra unica bussola è l’interesse della Francia e del popolo francese”, ha garantito.

Commentando a caldo i risultati su TF1, il suo braccio destro, Jordan Bardella, ha plaudito a ciò che considera uno “tsunami” elettorale.

“On a gagné! On a gagné! Abbiamo vinto! Abbiamo vinto!”, gridano i militanti lepenisti in festa in tutta la Francia. La formazione euroscettica moltiplica così per 10 il numero di deputati: erano 8, saranno fra 80 a 95 secondo le proiezioni, terza forza in parlamento dietro alla coalizione di Macron (Ensemble!) e la gauche riunita intorno a Jean-Luc Mélenchon (Nupes).

Per la prima volta dal 1986, l’ex Front National fondato alla fine degli anni Settanta dal patriarca dell’estrema destra, Jean-Marie Le Pen, supera la soglia dei 15 deputati e può così formare un gruppo al Palais Bourbon. Le Pen aveva già incassato un record di voti al ballottaggio delle elezioni presidenziali del 24 aprile, con il 41,5% delle preferenze. In Gironda, la candidata lepenista Edwige Diaz ha sconfitto l’attuale ministra della Salute, Brigitte Bourguignon, costretta dunque a dimettersi dal suo incarico nel governo.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.