Vai al contenuto

Onorificenza a Paramonov. Partiti chiedono revoca

Cavaliere all’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e Commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia: Alexei Paramonov, direttore del dipartimento europeo del ministero degli Esteri russo che ieri ha minacciato l’Italia di “conseguenze irreversibili” in caso di nuove sanzioni, ha ricevuto due onorificenze da Roma, una nel 2018 e una nel 2020.
    E ora i partiti ne chiedono la revoca.
    A spulciare nei lunghi elenchi dei titoli onorifici è stato Benedetto Della Vedova, segretario di Più Europa e sottosegretario agli Esteri, che non solo si dice convinto che queste ricompense al merito vadano ritirate ma che si attiverà per chiedere al titolare della Farnesina Luigi di Maio di aggiungere il nome del diplomatico russo alla lista di quelli per i quali sono partite le procedura di revoca. Un primo passo per ritirare le onorificenze assegnate ad alcuni cittadini russi negli anni infatti è già stato annunciato il primo marzo. Nelle mani della Farnesina però c’è solo la possibilità di presentare al Quirinale la richiesta di annullare la nomina che riguarda l’Ordine della Stella, che viene assegnato a “quanti abbiano acquisito particolari benemerenze nella promozione dei rapporti di amicizia e di collaborazione” con l’Italia; per quanto riguarda quella a Cavaliere al Merito della Repubblica la palla è nelle mani della presidenza del Consiglio. In entrambi i casi infatti le onorificenze vengono concesse dal presidente della Repubblica ma su proposta in un caso del ministro degli Esteri e nel secondo del premier, che all’epoca era Giuseppe Conte.
    Destinata, quest’ultima, a “ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione” incorre nella sua perdita chi “se ne renda indegno”. E, oltre a Più Europa, anche il Pd e Italia Viva non hanno dubbi: “Va certamente ritirata”, dice Andrea Marcucci. “Mi sembra il minimo”, aggiunge la vicepresidente di Iv al Senato Laura Garavini. Non possiamo pensare che i rapporti con la Russia siano quelli di una volta”, aggiunge un’altra senatrice di Italia viva, Elvira Evangelista. 
   

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.