Vai al contenuto

Ringraziamento del Sottosegretario Garofoli alle Amministrazioni dello Stato

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli, ieri sera a Palazzo Chigi ha incontrato Capi gabinetto, Capi degli Uffici legislativi, Segretari generali, Ragioneria generale dello Stato per rivolgere loro un messaggio di saluto e di ringraziamento in vista dell’approssimarsi della conclusione del mandato governativo.

Il testo dell’intervento

Ho pensato a questa modalità perché sentivo e sento l’esigenza di un sincero ringraziamento a voi e, per il vostro tramite, a tutte le donne e gli uomini impegnati nelle Amministrazioni che con i vostri Ministri avete guidato.
Ci siamo trovati al Governo di un Paese che, in questi circa 19 mesi, è stato attraversato da emergenze e crisi terribilmente gravi. Nel febbraio del 2021 era ancora severissima la crisi pandemica e lo erano i conseguenti effetti sociali ed economici. All’inizio del 2022, quando il Paese aveva ripreso a correre, vi è stata la guerra in Ucraina che ha profondamente mutato il quadro geopolitico, ma anche le condizioni sociali ed economiche del Paese. Queste due crisi hanno imposto un lavoro serrato, con l’assillo quotidiano di noi tutti di dare un contributo perché potesse riavviarsi nel 2021 il percorso di crescita e benessere. A tutto questo si è aggiunto l’impegno inedito legato al PNRR, alla necessità di definirne i contenuti, organizzarne la governance, metterne a punto le regole, iniziare ad attuarlo, con le sue riforme, le sue linee progettuali, i suoi target e milestone semestrali. Sapendo di avere la responsabilità di maneggiare un’occasione storica per il Paese, per attenuare le diseguaglianze e i divari di ogni tipo che lo affliggono, per migliorare pezzi importanti del sistema sociale, sanitario, educativo, produttivo.
Tutto ciò ha imposto non solo uno sforzo enorme alle Amministrazioni dello Stato, ma ha anche reso necessario definire nuovi approcci all’azione di governo, nuove modalità operative, nuove tecniche organizzative, utili tra l’altro ad assicurare una regia e un coordinamento serrati. Penso in particolare, alla Rete dell’attuazione, ai Nuclei per l’attuazione che avete istituito presso i gabinetti, alle nostre Conferenze dei Capi di gabinetto, ai continui incontri in Sala Arazzi, agli scambi, anche informali, di punti di vista.
Uno sforzo che si è tradotto in dati oggettivi. La produzione legislativa del Governo sin dal suo insediamento (13 febbraio 2021) ha avuto ritmi elevati e numeri corposi impressi soprattutto dalla necessità di far fronte alle diverse emergenze nazionali e di dare attuazione agli impegni del PNRR. In particolare, dal 13 febbraio al 30 settembre 2022, nelle 96 sedute del Consiglio dei Ministri, sono stati complessivamente deliberati 174 provvedimenti legislativi, di cui 62 (il 36%) decreti-legge, 74 (il 42%) decreti legislativi e 38 (il 22%) disegni di legge. Dei 62 decreti legge del governo Draghi, specificamente 13 sono stati finalizzati a dare attuazione al PNRR, 25 a gestire l’emergenza pandemica e quella economica collegata, 9 a fare fronte alla guerra in Ucraina e contrastare le conseguenze economiche in Italia. Non si è trattato di una produzione legislativa rimasta sulla carta.
La descritta attività legislativa ha infatti avuto ripercussioni sulle dimensioni e sui ritmi dell’impegno che il Governo ha dovuto assicurare nel far fronte ai conseguenti compiti “attuativi”, nel garantire cioè concreta operatività alle disposizioni legislative adottate. Voi tutti e le vostre Amministrazioni ve ne siete dati carico.
Complessivamente il Governo dal 13 febbraio 2021 al 30 settembre 2022 ha “smaltito” (adottato o abrogato) 1376 provvedimenti attuativi, con una media mensile di 70,6 provvedimenti.  Proseguendo fisiologicamente con questo ritmo, si raggiunge un risultato insperato: il sostanziale azzeramento a dicembre 2022 di tutto l’arretrato. Il risultato è tanto più significativo se si considera che i 1.376 provvedimenti sono stati conseguiti nonostante il concomitante impegno che il Governo e le Amministrazioni hanno assicurato sul fronte del raggiungimento dei target e delle milestone del PNRR.
In conclusione, voglio ringraziare ciascuno di voi per il contributo disinteressato che avete dato al Governo e quindi al Paese, con una dedizione e una responsabilità che ho avuto modo di constatare personalmente. Vi chiedo di estendere il ringraziamento a tutti coloro che lavorano nelle vostre Amministrazioni.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.