Vai al contenuto

Risoluzione sull'Ucraina, la maggioranza cerca l'intesa

L’accordo di maggioranza sulla risoluzione sull’Ucraina, in parte, sarebbe già definito: nessun riferimento allo stop alle armi, ma l’impegno ad un maggiore sforzo diplomatico nell’approccio alla guerra. Sull’intesa, però, incombe il terremoto in atto nel Movimento Cinque Stelle e le durissime accuse mosse al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che hanno tutto il sapore di una sfiducia politica e che potrebbero avere ripercussioni dirette anche sulla tenuta del governo.

Per la risoluzione sulle armi all’Ucraina “lavoriamo per unire e parlare di pace”. E il governo non rischia quantomeno “per la Lega. Sarebbe un problema se passasse giugno senza il decreto benzina e il decreto siccità”, dice il leader della Lega Matteo Salvini a margine di un comizio a Magenta. “Non commento i ‘se’ né i litigi dei 5Stelle”, ha aggiunto Salvini smarcandosi poi dalla riunione sul tema convocata per oggi pomeriggio: “Ho delegato i capigruppo – ha concluso – mi piace delegare la risoluzione dei problemi ad altri”.

Il testo, che sarà votato martedì al Senato, dopo le comunicazioni del premier Mario Draghi sul Consiglio europeo, sarà oggetto di un’ultima mediazione domani pomeriggio, quando il sottosegretario agli Affari europei Vincenzo Amendola vedrà nuovamente i rappresentanti dei partiti. Obiettivo: scrivere l’ultimo dei sei punti della risoluzione comune, quello sull’approccio dell’Italia alla guerra tra Mosca e Kiev .

Il Movimento, prima per voce della capogruppo al Senato Mariolina Castellone e poi della vicepresidente Alessandra Todde, ha svelato le sue carte. Non si punta più, come riportava una bozza preliminare realizzata da un gruppo di senatori, a dire basta tout court all’invio di armi, ma ad inserire concetti più generici come la ‘de-escalation militare’ e un nuovo protagonismo dell’Italia nello sforzo diplomatico. E fin qui, se la linea non cambia, il resto dei partiti sarebbe d’accordo.

Ma i pentastellati vogliono anche che sia messa nero su bianco la centralità del Parlamento nelle scelte sul conflitto.Un punto su cui serve un supplemento di riflessione, anche nella stesura – come spiega una fonte dem – perché ‘non si può imbrigliare il governo in una situazione così delicata e fluida e a fronte di appuntamenti internazionali dall’esito ancora incerto’.

La mediazione finale, insomma, potrebbe essere più complessa del previsto ed avere conseguenze anche sull’asse giallorosso. In casa Dem la principale preoccupazione è che non si metta in discussione il sostegno a Draghi, in particolare prima di un importante Consiglio europeo. Un eventuale strappo sull’Ucraina, in seconda battuta, determinerebbe l’addio al campo largo – è il ragionamento. Per il resto nessun tifo e nessuna ingerenza nelle questioni interne ad un’altra forza politica.

Grande apprensione per l’evoluzione della crisi tra i Cinque Stelle (che a livello numerico restano il primo gruppo parlamentare) anche nel resto della maggioranza, dove inizia a circolare il timore che, a fronte di uno strappo del Movimento, il premier possa mandare tutti al voto.

Da Palazzo Chigi nessun commento sulle polemiche: Draghi sta lavorando sulle comunicazioni alle Camere prima del vertice di Bruxelles, giovedì 23 e venerdì 24 giugno. La vice di Giuseppe Conte, Todde, pur attaccando frontalmente Di Maio, rassicura sulle intenzioni del Movimento, che sta lavorando ad un testo ‘di maggioranza’. Quindi, definisce ‘vergognoso che sia stata fatta circolata una bozza vecchia che non ha niente a che fare con la base su cui stiamo discutendo’.

In attesa di capire la portata e le conseguenze della crisi, i riflettori restano puntati sulla risoluzione. Il documento preliminare, che domani dovrebbe essere completato nella riunione tra i partiti e il sottosegretario Amendola, ha già 5 punti concordati in linea di massima: via libera all’adesione di Kiev all’Ue; ad una revisione radicale del Patto di stabilità europeo; ad interventi per famiglie e imprese in difficoltà; al tetto al prezzo del gas e al rafforzamento delle proposte sul futuro dell’Unione. Per scrivere l’ultimo, il più spinoso, degli impegni ci sono solo 24 ore di tempo..
   

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.