Vai al contenuto

Scalfari, l'addio in Campidoglio “Grazie direttore”

    “Grazie direttore”. A sfogliare l’album delle presenze per l’ultimo saluto a Eugenio Scalfari, l’incipit di ogni dedica è questo. “Caro direttore, ciao direttore…”. A prescindere se a firmare sia davvero un suo collega o qualcuno con cui condivise la redazione. Scalfari, scomparso il 14 luglio a 98 anni, è e resterà per tutti “il” direttore. Lo sarà per i tanti politici, dal presidente Sergio Mattarella al premier Mario Draghi, accorsi ieri alla camera ardente, per la generazione di firme del giornalismo italiano che ha contribuito ad “allevare”, per il mondo della cultura e, soprattutto, per i tanti lettori arrivati oggi al Campidoglio per l’ultimo saluto nella commemorazione laica, pubblica. “Roma saprà ricordarlo come merita”, promette il sindaco Roberto Gualtieri, in una sala della Protomoteca piena fino allo stremo, tanto che l’ingresso viene chiuso e una piccola folla si forma in Piazza Campidoglio a seguire dal maxischermo. Sul feretro, la fotografia che ritrae il fondatore di Repubblica e L’Espresso in campagna, con il suo cane. Poi le ortensie blu, le corone di fiori delle maggiori autorità dello Stato, i primi numeri dei “suoi” giornali e le prime pagine di oggi con la scritta “Grazie direttore (1924-2022)”.

“Scalfari ha inciso un segno profondo nel giornalismo, nella cultura, nella politica italiana all’insegna dell’innovazione e della modernizzazione del Paese. Un segno che è un’eredità costruita nel fuoco delle stagioni, combattendo battaglie cruciali”, ricorda Gualtieri. In prima fila, le figlie del direttore, Enrica e Donata con la famiglia, ma anche il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, Gianni Letta, Piero Fassino, Luigi Zanda, Lirio Abbate, Mario Calabresi e, tra la folla, il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Beppe Giulietti, il regista Roberto Andò. Ma non solo l’Italia. Se anche Le Monde oggi dedica due pagine a “il” direttore, alla commemorazione arriva il messaggio del presidente francese Emmanuel Macron, che definisce Scalfari un “prefiguratore dell’Unione”.

“La Francia ha perso un grande amico – legge commosso per lui Bernard Guetta – In lui non c’era solo l’amore per la nostra lingua, ma prima di tutto l’amore per la Francia, dei suoi lumi, della sua enciclopedia, della sua rivoluzione. Sappiate che Francia lo amava e ammirava e gli resta eternamente riconoscente”. “Eugenio Scalfari era un democratico convinto, amante della libertà e delle libertà – ricorda Walter Veltroni – Figlio di quella generazione che ha vissuto l’incubo e il sogno, che ha liberato questo Paese dalle macerie e lo ha fatto correre finché ha potuto. Le ultime volte che l’ho sentito, però, era sfiduciato, amareggiato. Si sentiva anche lui straniero in patria”. Poi, uno dopo l’altro, i suoi “allievi” e successori, tra aneddoti, lavate di testa e grandi insegnamenti. “Aveva il coraggio di osare nel leggere le notizie, l’idea di non fermarsi mai, di innovare”, dice Maurizio Molinari, oggi alla guida di Repubblica. “Ci chiedeva di essere la falange macedone, la roccaforte imprendibile”, aggiunge il direttore de La Stampa, Massimo Giannini, ricordando quel “patto generazionale che solo a Repubblica ha funzionato”. Con lui, aggiunge Ezio Mauro, per vent’anni alla guida del quotidiano, “per la prima volta il lettore non era un cliente, ma un partner”. Scalfari gli si rivolgeva convinto che “il cambiamento fosse possibile, anche nel nostro Paese. Aveva – conclude – la capacità di suscitare un’altra Italia”.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.