Vai al contenuto

Sulla lotta alla mafia è stata messa la parola fine

La Cassazione ha ammette la possibilità di concedere un permesso premio a Giuseppe Barranca, boss che sta scontando gli ergastoli per la strage di Capaci e per le autobombe del 1993 di Firenze, Roma, Milano.
Di Ignazio Cutrò

Mentre a Palermo fervono i preparativi per commemorare i nostri defunti caduti nell’estremo tentativo di combattere Cosa Nostra e infliggergli un colpo mortale, ebbene, nel quartiere Brancaccio – Ciaculli, si festeggia invece il ritorno a casa del mafioso Giuseppe Barranca cioè di colui che procurò, in nome e per conto dei fratelli Graviano, l’esplosivo per la strage di Capaci e per le autobombe del 1993 di Firenze, Roma, Milano dove morirono 10 persone. La Corte di Cassazione afferma che il mafioso, non pentito, sia meriterevole di un permesso premio. La sentenza della Corte Europea, la sentenza della Corte Costituzionale Italiana e la sentenza della Corte di Cassazione mettono la parola fine al programma di protezione, non ci saranno più collaboratori di giustizia perché non sarà più conveniente collaborare con la magistratura e le forze dell’ordine.

E non ci saranno neanche più i testimoni di giustizia, visto che a loro è impedito tornare a casa o farsi riconoscere in pubblico mentre i mafiosi non pentiti, tornano a casa per premio.
Mentre dunque a Palermo si versano lacrime e dolore per i nostri caduti, a Brancaccio si versano lacrime di gioia per il ritorno a casa del detenuto mafioso in attesa dei grandi festeggiamenti per il ritorno, quanto prima possibile, dei fratelli Graviano o almeno uno di essi. Tutto è già stato scritto, tutto è pronto per dare il benvenuto “all’esule ingiustamente carcerato”.

Sulla lotta alla mafia è stata messa la parola fine.

Una lapide eterna a dispetto di chi è morto per combattere Cosa Nostra e di chi si ostina, in solitudine, ancora a combatterla.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.