Vai al contenuto

Vince Tommasi, centrodestra perde Verona dopo 15 anni

Si ammaina la bandiera del centrodestra a Verona. Vince Damiano Tommasi, candidato civico sostenuto dal Pd, e dopo 15 anni il centrosinistra riconquista Palazzo Barbieri. L’ex calciatore della Roma e della Nazionale ha conquistato il 53,34% delle preferenze. Sboarina si è fermato al 46,66%. “Mi auguro che la gente possa prendersi il ruolo di protagonista a Verona – sono state le prime parole di Tommasi – perchè la città lo merita. Io spero di essere parte di questo progetto in maniera importante”. “Questo entusiasmo – ha aggiunto Tommasi, sovrastato dall’esultanza dei sostenitori – si spiega con il fatto che non era semplice, e non lo sarà. Ma ci siamo messi in gioco per fare una cosa che Verona aspettava da tempo. E siamo pronti anche alle cose difficili”. Prima di stasera, infatti, Verona era un feudo del centrodestra. C’erano state due consiliature con Flavio Tosi sindaco (dal 2007 al 2017), e negli ultimi 5 anni Federico Sboarina, entrato in corsa in Fratelli d’Italia. Alla vigilia della tornata elettorale pochi – se non nessuno – davano chance di vittoria al Pd e al campo progressista. Ma il centrodestra ha fatto tutto da solo: all’inizio c’è stata la frattura tra i partiti della coalizione, con Fdi e Lega a sostegno di Sboarina, Forza Italia invece a fare la gara per Tosi. Poi, sorpassati da Tommasi al primo turno (40% contro 33%) il patatrac con la decisione di Sboarina di non accettare l’apparentamento al ballottaggio con Tosi e le sue 9 liste. Incompatibilità personale tra i due, da sempre avversari. A nulla sono serviti i richiami dei tre leader del centrodestra, con Matteo Salvini che ieri è tornato a definire “uno sbaglio clamoroso quello di Sboarina” . A quel punto il sindaco uscente, non avendo nemmeno un accordo politico con Tosi, nonostante le rassicurazioni di Forza Italia – ” Fi in tutto il Veneto così come nel resto dell’Italia sosterrà il centrodestra” – poteva solo sperare che nel segreto delle urne i ‘tosiani’ non avrebbero tradito la loro parte politica, e che vi fosse un’affluenza massiccia ai seggi. Invece è probabile che ben pochi dei ‘tosiani’ abbiamo votato per ‘Sboa’ (come lo chiamano i veronesi). L’affluenza è stata maggiore a Verona che nel resto dei capoluoghi al voto, i 46,80%, contro il 55% del primo turno, ma non è bastato. E’ finita con Sboarina distanziato di circa 6.000 voti (erano 8.000 nel primo turno) da Tommasi. Alla chiusura dello scrutinio ha conquistato il 53,34% dei consensi nel ballottaggio, contro Federico Sboarina (centrodestra) fermatosi al 46,66%. o si apprende dal sito del Comune di Verona. Verona era la partita più importante di questa tornata amministrativa dopo gli esiti del primo turno. E anche una ‘prova generale’ prima dello showdown delle politiche nel 2023. Un piccolo scossone alla politica la città di Giulietta lo ha dato.

Gestisci il consenso ai cookie

Per fornire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per archiviare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o ID univoci su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.

Funzionale

Sempre attivo
L'archiviazione tecnica o l'accesso sono strettamente necessari al fine legittimo di consentire l'uso di un servizio specifico esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente, o al solo scopo di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica.

Statistiche

L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici. L'archiviazione tecnica o l'accesso che viene utilizzato esclusivamente per scopi statistici anonimi. Senza un mandato di comparizione, una conformità volontaria da parte del vostro Fornitore di Servizi Internet, o ulteriori registrazioni da parte di terzi, le informazioni memorizzate o recuperate per questo scopo da sole non possono di solito essere utilizzate per l'identificazione.

Marketing

L'archiviazione tecnica o l'accesso sono necessari per creare profili di utenti per inviare pubblicità, o per tracciare l'utente su un sito web o su diversi siti web per scopi di marketing simili.